Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK

Club UNESCO Grosseto Maremma

News

I diritti dei giovani e dei bambini: il diritto allo studio come conquista e opportunità

28 Ottobre 2016

I prossimi 17 e 20 novembre si celebrano – col contributo fondamentale dell’Unesco – le Giornate mondiale degli studenti e dei diritti dell’infanzia.
Due temi di grande significato, a cui il Club per l’Unesco Grosseto Maremma vuole dedicare un’iniziativa altrettanto significativa rivolta proprio ai soggetti più interessati: le nostre ragazze e ragazzi che frequentano la scuola, i loro genitori, gli insegnanti e i dirigenti scolastici.
Abbiamo raccolto un piccolo book fotografico, che evidenzia per immagini la conquista del diritto allo studio, a latitudini diverse - anche se spesso non troppo lontane - dalle nostre, ma che rappresentano la voglia di crescere umanamente e culturalmente grazie all’apprendimento, nei luoghi e nelle forme che la vita consente.
Una piccola ma emozionante galleria di immagini, che mostra ai nostri ragazzi e alle nostre ragazze quanto sia importante l’avere accesso all’istruzione e alla formazione, quanto dovrebbe essere considerato inviolabile il diritto allo studio come diritto fondamentale dell’infanzia e della gioventù, e che purtroppo ancora resta inaccessibile per molti nel Mondo, in particolare per le piccole e giovani donne. Ma come la voglia di studiare, di emanciparsi e di crescere, faccia superare ogni barriera!
Chiediamo dunque alle scuole della Maremma (ma speriamo che l’iniziativa si allarghi a tutta Italia mediante l’adesione dei Club e Centri Unesco del nostro Paese) , di ogni ordine e grado, agli insegnanti e ai dirigenti, di dedicare - nei giorni che vanno da giovedì 17 a sabato 19 novembre - un piccolo spazio, una parte di una lezione, alla proiezione di queste foto e ad un piccolo approfondimento sull’importanza del diritto allo studio, su come si configuri il diritto/dovere nel nostro ordinamento, e sull’importanza di beneficiare di un diritto fondamentale che nel nostro Paese è garantito a tutti, senza distinzioni.
Iniziativa a costo zero per tutti – come di consueto facciamo al Club per l’Unesco Grosseto Maremma - basta solo la volontà di partecipare e di veicolare il messaggio

Di seguito una breve descrizione della galleria fotografica allegata.
Le foto sono elencate in ordine alfabetico e riportano sempre l’indicazione del Paese di provenienza.
5 ore di mulo, Cina: sono le ore che separano la scuola da alcune case nelle zone rurali, dove l’unico mezzo di trasporto è il mulo.
Cilangkap, Indonesia: le ragazze raggiungono la scuola solo a bordo di zattere, in assenza di ponti o strade che dalle loro case di campagna collegano l’edificio scolastico. Nei peridi di monsoni, piogge o inondazioni è molto difficile, se non impossibile raggiungere la scuola.
Guerra Yemen 1 e 2: il dramma della guerra, che da oltre un anno sta colpendo lo Yemen, nella penisola arabica. I bambini devono passare tra le macerie per andare e a scuola, che non è più un edificio, ma un tunnel stradale: la galleria fa da tetto, le macerie da sedie e banchi, e il muro da lavagna.
India, Himalaya: i bambini devono affrontare una lunga marcia su un ghiacciaio per andare a scuola.
India, ponte di radici: i bambini riescono a raggiungere la scuola grazie ad un antico ponte di radici che consente l’attraversamento del fiume.
Jammu, Kashmir: stato dell’India alla frontiera col Pakistan, da sempre scosso da conflitti. Durante le inondazioni, i ragazzi spostano banchi e sedie in luoghi più sicuri e accessibili.
Kawag, Filippine: senza strade che collegano la scuola, le ragazze devono camminare sulla sponda rocciosa di un fiume.
Myanmar: lo scuolabus è…un vecchio bufalo. Molto lento.
Nagari Koto Nan Tigo, Indonesia 1 e 2: in assenza di ponti, per andare a scuola si deve guadare un fiume, quando il livello delle acque lo consente. Dopo il guado, ci si asciuga e riveste.
Riau, Indonesia: per arrivare alla scuola, bisogna pagaiare nella foresta.
Rio Negro, Colombia 1 e 2: la scuola è dall’altro lato della valle, nella foresta. Ma senza ponti e strade, l’unico mezzo è una pericolosa carrucola.
Rizal, Filippine: i ragazzi devono attraversare un fiume per andare a scuola, senza strade, senza ponti e senza imbarcazioni. L’unico mezzo è un vecchio copertone.
Sanghiang Tanjung, Indoensia 1 e 2: un pericolante ponte di corde è l’unica via che conduce alla scuola.
Shuafat – Gerusalemme, Palestina: la guerra non rispetta nessuno, né esseri umani né diritti. Ma la voglia di un futuro migliore e di un’istruzione non ferma la piccola studente che attraversa la linea di fuoco.
Sichuan, Cina: a scuola si va su un ponte di corda sferzato dalla tempesta.
Srinagar, Kashmir: nord dell’India, il ponte che collega la scuola è crollato da tempo, agli studenti servono doti da arrampicatori per raggiungere le aule.
Xinjiang Uighur, Cina: l’unica via per raggiungere la scuola è un pericoloso costone di roccia.
Zhang Jiawan, Cina 1 e 2: da fondo valle la scuola è raggiungibile con una scalata non priva di insidie.

Scarica allegato
Galleria fotografica

Giornata Internazionale della Pace 21 settembre

Il 21 settembre si celebra la Giornata Internazionale della...

continua...

GIORNATA INTERNAZIONALE DELL'ALFABETIZZAZIONE 8 settembre

L’8 settembre si celebra la Giornata Internazionale dell’Alfabetizzazione,...

continua...

Unesco Grosseto Maremma a Piazzalibri 2017

Il Club per l’Unesco Grosseto Maremma, insieme alle scuole,...

continua...

ARCHIVIO NEWS